?

Log in

No account? Create an account
 
 
20 January 2011 @ 01:40 pm
[Originale] Il parere degli estranei; La voce delle cose; La serra  
Fandom: Originale
Titolo: Il parere degli estranei
Rating: Per tutti
Conto Parole: 200 (Fiumidiparole)
Personaggi: Neil, Hana
Challenge: Special #9
Prompt-regalo: Strangers to impress (The Strokes)



Questa gente di cui si parla io la conosco da diversi anni, e quindi spero di non aver dato per scontate troppe cose che vi rendano impossibile la lettura. Credo comunque di avervi detto nelle tre storielle collegate tutto ciò che avete bisogno di sapere per capirli. Comunque, c'è un negozio di antiquariato gestito da una donna fascinosa e ci sono due ragazzi (Neil, 23 anni, e Alin, 16) che fanno da commessi e imparano cose.
Grazie di essere qui.



Il parere degli estranei

Ha quel piglio orgoglioso e sfrontato, tra superbia e disperazione, tipico di chi è sempre stato lasciato indietro, a lottare con il peso di sprezzo e disistima. E' giovane, ma ha sperimentato una certa quantità e varietà di sconfitte: per questo ha imparato a fregarsene della gente. Gli altri sono capaci solo di parole taglienti, accompagnate da sguardi che polverizzano. Allora tanto vale ignorarli, e gridare in faccia al mondo la propria anima, senza curarsi delle conseguenze.
Non gli è mai importato di nessuno, fino a lei.
Ha detto di chiamarsi Hana. L'ha detto con un mezzo sorriso, appoggiata al bancone del negozio d'antiquariato, ha uno strano trucco viola e azzurro, avrà almeno dieci anni più di lui, è magra e alta, sorride come se sapesse già tutto.
E Neil ha capito che di lei gli importa. Che vuole mostrarle chi è, e quanto vale. Lei non è come gli altri, lei è come nessun altro.
Lui non sa che, a distanza di un anno, sarà ancora lì, a cercare di attirare l'attenzione di quella divinità amichevole, senza rendersi conto che non è il suo goffo orgoglio, a interessarla, ma quella gentilezza segreta che si mostra di rado e compie miracoli inaspettati.


*


Fandom: Originale
Titolo: La voce delle cose
Rating: Per tutti
Conto Parole: 200 (Fiumidiparole)
Personaggi: Neil, Alin
Challenge: Special #9
Prompt-regalo: The dreams we saved (Smashing Pumpkins)


La voce delle cose

E' strano come le cose possano avere un significato opposto per persone diverse.
Neil e Alin guardano le cose che hanno recuperato dal trasloco dei vicini
Il vocabolario semidistrutto che mette in comunicazione due lingue morte, per esempio. La candela viola: probabilmente aveva una forma, un tempo, ma ora che è stata consumata a metà è diventata una fantasmagoria floreale assurda e bellissima. La valigia blu, con l'aria di avere davvero tantissimi anni. E la vestaglia da donna, che avrà mezzo secolo, con decorazioni favolose che la fanno sembrare un abito regale di un'epoca ancor più lontana.
I vecchi proprietari stavano buttando via ogni cosa: per loro, in procinto di traslocare e rinnovare la loro vita, quella roba era solo un ammasso di rifiuti inutili.
I due ragazzi che hanno salvato tutto un attimo prima che fosse perso per sempre, invece, guardano il mucchio di tesori con rispetto e venerazione. Ciò che è antico è affascinante, per due persone sensibili che vivono in un mondo dove il passato si dimentica in fretta. Tutti gli oggetti interessanti hanno una specie d'anima, e loro si sentono un po' eroi, adesso che hanno portato quelle cose al negozio, dove potranno ricominciare a raccontare una storia.


*


Fandom: Originale
Titolo: La serra
Rating: Per tutti
Conto Parole: 100 (Fiumidiparole)
Personaggi: Neil
Challenge: Special #9
Prompt-regalo: This room is quiet and still (Our Lady Peace)


La serra

Quando Neil sta per chiudere il negozio, la sera, spesso vi si affaccia un'ultima volta. Nel silenzio dello stanzone che racchiude antichità di ogni genere, da solo, immerso nell'ombra quieta appena illuminata dalle luci esterne, dimentica il mondo che lo aspetta fuori.
Si sente come un coltivatore che guarda la sua serra di sogni, ricordi e destini in attesa di un nuovo corso.
Si sente responsabile di ciò che quegli oggetti pieni di vita risveglieranno negli acquirenti.
Sente di valere qualcosa, perché ha trovato la sua piccola missione, e perché, a modo suo, ha imparato a provare un po' d'amore per l'umanità.

 
 
Current Music: Thea Gilmore - "Slow journey"
 
 
 
Eva: Atruscrimsontriforce on January 21st, 2011 01:27 am (UTC)
Ciao Hana, ciao Neil, ciao Alin! Piacere di conoscervi! :D
Sono tutte e tre piccolecompleteintense, con un'atmosfera unitaria che si percepisce anche oltre i legami semantici. Ed è un'atmosfera adorabile - sì, si sente Holic, ma si sente tanto di tuo, credo. E i prompt ci stanno a ciodo!
Harrietharriet_yuuko on January 21st, 2011 12:06 pm (UTC)
Hana ti offre un tè, Neil ti batte una pacca sulla spalla, Alin fa ciao da dietro un mobile.XD
Grazie del commento!
Beh, Holic... guarda, sono in una fase in cui gli darei fuoco, perché le autrici sono riuscite nell'epica impresa di distruggerlo con gli ultimi 5-6 volumi (tra l'altro il mese prossimo finisce... senza un minimo di senso, trama, coerenza e climax, secondo me, ma...XD), però gli devo veramente tanto perché leggerlo mi ha fatto tirare fuori prepotentemente dalle mie storie tanti temi e archetipi di personaggio che c'erano già, ma molto "timidi"... Holic è stato capace di farmi realizzare che c'erano e che potevo giocarci molto di più. Mi ha influenzata moltissimo anche a livello "visivo", spingendomi a dare importanza a tanti particolari (a cominciare da vestiti e capelli delle belle donneXD), ha rinfocolato il mio amore per il personaggio della "maga"... insomma, non mi vergogno ad ammettere le sue influenze su di me, e ora la pianto perché ho sproloquiato per un'ora.XD